L’infallibilità Papale del Pd eredità catto-comunista.

L’infallibilità Papale del Pd eredità catto-comunista.

A Sentire Bersani, Di Pietro, Casini Rutelli e da poco Fini ci si accorge che keskì hanno il dogma dell’infallibilità, così convinti che salgono in cattedra dando persino voce, con lezioni di terroristi in Università che convince il Marx zoccolo duro e media straniera, ma manca il carisma, manca fallendo il centro del target, salvo con la centrale del loro magistero Giustizialista, scavalcano anche la Costituzione, in altre parole i tre potere, ripetendo persino il gergo dello struzzo che, prima Berlusconi era Videla, Chavez, Ahmadinahjad er ora divenuto Hitler. In poche parole, proclamano ed affermano che, solo loro hanno il diritto su chicchessia potere di “vita o di morte Giudiziale ”, questo purtroppo, s’è visto che fregandosi dei Diritti di presunti imputati: abusando di Leggi ricevute, nell’emergenza degli anni di piombo e da allora dal capo dello Stato ex “ Comunista ” s’è SMEmorato che, chi commise danni è ridente, svenduto i nostri gioielli di Stato, azzoppando la Ue e casino su valore di scambio su l’Euro, senza parlare dando impunità alla Sinistra con Leggina a hoc sul finanziamento illecito ai Partiti. Così nasce L’Unione franceschielli di ex SMEmorati e smoderati, basta vedere keskì: Milano, Pisapia ‘a casa; Napoli, Jervolino, Bassolino, Cristiano Di Pietro i munnezzari; ancora Bari, Tarantini, Frisullo, Tedesco ‘a Sanità. Ergo, come il solito due pesi e due misure, picché Niki Vendola e D’Alema, “ non poteva non sapere ” ed eccolo a soggetto il suo profilo non può essere associato a cchisti!

 

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: