Antonio Di Pietro a Colle:mortifica Istituzioni.

COMM’E ‘BONO STO GOVERNO  E’ STA GIUSTIZZIA GNAM! GNAM!

007 MANCATO E PURE  ‘A SCOLA

Antonio Di Pietro a Colle:mortifica Istituzioni

 

Una volta si scriveva sui muri Pci e lo correggevano in Porci,l’Msi in $$:ora Cu**$Camicia in una sorta di Partito definito Catto-Comunista-Fascista che da 60a questo Governo irresponsabile con incoscienza ha le chiavi dell’Economia e i bottoni da far pigiare nella stanza del potere per questo,prima lasciano crepare all’estero il mio amico Craxi,poi dal ’94,si continua ad ostacolare di Governare i Governi presieduti dal Cavaliere Silvio Berlusconi che dimostra che il suo partito non era di plastica e di avere le Pa** le 28 assoluzioni dichiara che la Giustizia è cloaca,pedigree o DOC che puzza di Giustizialismo,iniziato proprio dai leaders dell’Idv, Tonino e Occhetto che quand’era in Marocco ordinava di votare contro le opinioni di 3 giornalisti e membri del parlamento che vennero condannati: spiegatemi come possono sfoggiare questi Valori e Democrazia,se per Tonino,cchiste“non poteva non sapere”del miliardo che andava alla sorella Paola Occhetto petr l’ Ecolibri di Torino e il Kompagno”G”era solo deviato e per i miliardi che entravano sino all’ascensore di Botteghe Oscure?Mani Pulite: fantasilandia o realtà rimasta impunita,perchè nessuno ha chiesto una Commissione sulla Giustizia perchè come questo Governo tutto era buono ed abbondante condito di odio e le ultima parole del“Democratico agghiacciante”Bersani,mentre per altri malcapitati hanno tribolato e messi alla gogna per ben 17 anni per Formica,Mannino e 10 per l’ex Ministro Saverio Romano.Vedete ho fatto tanti sit-in e fatto Politica nel mondo,ma esprimendo i miei pensieri,mai un insulto a chicchessia:si può chiamare Giustizia usando estintori e trave,poi candidare i parenti o peggio ancora perchè l’Amare Petrus e“Re Giorgio I”non impugnano l’elezione di D’Elia o non era un terrorista, riconoscenza e di che?Cchiste sarà pure cambiato:ma a me,chi mi ridarà i miei genitori e 48a di dolore e solitudine crescendo da minore,orfano e con un fratellino 13enne da crescere?SMEmorati del botteghino elettorale,ma accetta regalini:Mercedes,prestiti,casa ad eco-canone cellulari con Sim Cards Elvetiche intercettazione può definirsi Democratico o avere Valori?

http://www.ilgiornale.it/news/interni/ministro-severino-giusto-mantenere-segrete-telefonate.html

http://www.ilgiornale.it/news/interni/mafia-lex-ministro-romano-lacrime-aula.html

 

Allarme per 8 milioni di persone

L’Italia è sempre più poveraL’Istat presenta il report sulla povertà 2011 

Nel 2011 l’11,1% delle famiglie in Italia è relativamente povero, per un totale di circa 8,1 milioni di persone e il 5,2% lo è in termini assoluti: circa 3,4 milioni di persone. Lo rivela l’Istat nel report sulla povertà in Italia nel 2011.

La soglia di povertà relativa per una famiglia di due componenti, spiega l’Istat, è pari a 1.011,03 euro. Rispetto all’anno precedente nel 2011 c’é una sostanziale stabilità della povertà relativa, che deriva dal peggioramento del fenomeno delle famiglie in cui non vi sono redditi da lavoro o vi sono operai, compensato dalla diminuzione della povertà delle famiglie di dirigenti e impiegati.

7,6% FAMIGLIE A RISCHIO POVERTA’ – Il 7,6% delle famiglie italiane è a rischio povertà: si trova poco al di sopra della linea convenzionale di povertà e, ad esempio con una spesa improvvisa, potrebbe classificarsi tra le famiglie povere. Di conseguenza in Italia è povera o quasi povera circa una famiglia su cinque. Lo rivela il report sulla povertà in Italia, presentato oggi dall’Istat. Tra le famiglie povere (l’11,1% del totale delle famiglie residenti), il 6% risulta “appena povero” cioé poco distante dalla linea standard, oltre la quale si diventa poveri; il 5,1% è “sicuramente povero”.

AL SUD POVERA QUASI UNA FAMIGLIA SU QUATTRO – Il 23,3% delle famiglie che risiedono nel Mezzogiorno sono povere, quasi una famiglia su quattro. Aumenta inoltre l’intensità della povertà relativa, dal 21,5% al 22,3% in un anno. I poveri, quindi, sono diventati ancora più poveri. E’ quanto emerge dal report dell’Istat sulla povertà in Italia. La povertà relativa è più diffusa in Sicilia e Calabria: nell’isola è povero il 27,3% delle famiglie, in Calabria lo è il 26,2%.

POVERTA’ STABILE MA AUMENTA TRA OPERAI – La povertà in Italia rimane stabile in un anno ma peggiora la condizione delle famiglie operaie: il 15,4% di queste (15,1% nel 2010) è relativamente povera, il 7,5% (6,4% nel 2010) è assolutamente povera. Migliora invece la condizione delle famiglie di dipendenti o dirigenti. Nel 2010 era relativamente povero il 5,3%, nel 2011 il 4,4%. Per quanto riguarda la povertà assoluta, l’incidenza nel 2010 era dell’1,4%; nel 2011 dell’1,3%. E’ quanto emerge dal report dell’Istat sulla povertà in Italia, presentato oggi.

L’incidenza della povertà relativa aumenta per le famiglie senza occupati né ritirati dal lavoro, passando dal 40,2% al 50,7% in un anno. Ugualmente per le famiglie con tutti i componenti ritirati dal lavoro, essenzialmente anziani soli e in coppia: il valore passa dall’8,3% al 9,6%. Tra queste ultime aumenta anche l’incidenza di povertà assoluta: dal 4,5% al 5,5%. L’Istat sottolinea poi che la povertà assoluta aumenta tra le famiglie con persona di riferimento ritirata dal lavoro (dal 4,7% al 5,4%), soprattutto se non ci sono redditi da lavoro e almeno un componente è alla ricerca di occupazione (dall’8,5% al 16,5%). In generale l’incidenza di povertà assoluta cresce anche tra le famiglie con a capo una persona con profili professionali e/o titoli di studio bassi: famiglie di operai, con licenza elementare (dall’8,3% al 9,4%) o di scuola media inferiore (dal 5,1% al 6,2%). Peggiora, infine, la condizione delle famiglie con un figlio minore, in termini sia di povertà relativa (dall’11,6% al 13,5%) sia di povertà assoluta (dal 3,9% al 5,7%).

 

http://www.televideo.rai.it/televideo/pub/articolo.jsp?id=12821

http://www.televideo.rai.it/televideo/pub/pagina.jsp?p=836&s=3&r=Nazionale&idmenumain=2&submit=VAI&pagetocall=pagina.jsp

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: