Monti is not the right man to lead Italy dal Financial Times-FT.com Europa

Monti non è l’uomo giusto per guidare l’Italia dal Financial Times-FT.com Europa.

(Padre perdonami perchè ho peccato per 50anni:assolvemi nel darmi alcuni Ministeri! “

Meglio di Mussolini con 50 e creati zero crescita e posti lavoro:niente paura alla prossima volta….vi porterò gli spiccioli rivoltandovi come il pool come un calzino anche se bucato lo laverò con Pirlana!

File:UnitàMI1975.jpg

Facevo parte del Guf,meglio L’Unità e l’URSS la repressione dei moti ungheresi, che la dirigenza del PCI condannerà come controrivoluzionari (l’Unità arriva persino a definire gli operai insorti “teppisti” e “spregevoli provocatori”). Nel momento stesso degli eventi, egli stesso elogia l’intervento sovietico dichiarando: «L’intervento sovietico ha non solo contribuito a impedire che l’Ungheria cadesse nel caos e nella controrivoluzione, ma alla pace nel mondo» SMEmo?

http://it.wikipedia.org/wiki/Giorgio_Napolitano

(Padre perdonami perchè ho peccato per 50 anni)Mi concedi qualche Ministrero pesante?Sappi che con Casini e Fini  ti faremo da stampella?

GLI AFFAMATORI DEL POPOLO ITALIANO con famiglia allargata….

bagnasco-bertone

NON DICONO BUGIE?

E’ il pensiero del Santo padre?

Monti pinocchio Bersanoski SMemorato nel collegio?

Mi chiedo,ma questi prof,i dove hanno studiato,se non sono stati capaci fare due cose con 50 fiducie e il 90% del Parlamento?Finacial Times e Berlusconi,hanno ragione “Monti non è l’uomo giusto per guidare l’Italia”infatti,Mussolini non aveva tanto potere.Verità decretata con 2 mln di poveri che Bagnasco e Bertone,ignorano negando l’evidenza in fila alle mense della Caritas,il Card Bertoni$Bagnasco non possono non sapere?Ecco la verità e“barzellette”rendendosene ridicolo in compagnia di Montezemolo che vende Ferrari ai ricchi ele Fiat?Perchè,l’Ilva e Fiat in Lucania in Cig ed altre Aziende che smontano impianti per trasferirli all’estero,ove ci sono meno tasse.Visco Governatore della Banca d’Italia è severo,ma Monti si trova a Zelig con la panza piena col cachet del Cavaliere?Affamare un Popolo facendo crescere a dismisura povertà,disoccupazione e suicidi vuol dire Governare o fallimento del futuro della gente che hanno,visto sparire i risparmi e niente più circolante con zero crescita e sviluppo?Monti è popolare sì,ma in negatività“Inadatto a Governare l’Italia,lo scrive il Financial Time.Questo fa incazzare i Cittadini:vedere la Casta acchiappare,lauti stipendi$vitalizi e fregarsene del collegio elettorale,infatti,crediate che ‘o Sud sia felice con Melfi,Taranto e Sicilia senza lavoro?Meglio votare i Casini-sti,Fli-c e Bersanoscki con Niki e con stampella di monti?Pensaci Giacomino.

http://www.corriere.it/esteri/13_gennaio_20/monti-financial-attacca-premier_13d4cd1e-6349-11e2-b1d5-38c6a83a1ea2.shtml

High quality global journalism requires investment. Please share this article with others using the link below, do not cut & paste the article. See our Ts&Cs and Copyright Policy for more detail. Email ftsales.support@ft.com to buy additional rights. http://www.ft.com/cms/s/0/882bb27a-6166-11e2-957e-00144feab49a.html#ixzz2IaxLSqce

Monti non è l’uomo giusto per guidare l’Italia

Maggior parte degli italiani devono sapere che il calo dei rendimenti dei titoli di Draghi

L a crisi finanziaria che si è sbiadito in Italia, ma la crisi economica è in crescita. Ci è appena stato un giorno senza notizie del credit crunch peggioramento, e un calo dell’occupazione, il consumo, la produzione e la fiducia delle imprese. Ancora una volta, un governo europeo ha sottovalutato l’impatto prevedibile di austerità. Dopo aver mostrato quasi nessuna crescita per un decennio, l’economia italiana si attarda in una lunga e profonda recessione .

Come gli altri paesi sulla sponda meridionale della zona euro, l’Italia deve affrontare tre opzioni. Il primo è quello di rimanere nell’euro e prendere da solo il peso di taratura di pieno. Con questo intendo sia l’adeguamento economico, in termini di costi unitari del lavoro e inflazione, e di bilancio. Il secondo è quello di rimanere nella zona euro, subordinata alla regolazione condivisa tra creditori e Paesi debitori. Il terzo è quello di lasciare l’euro. I successivi governi italiani hanno provato una quarta opzione – soggiorno a l’euro, si concentrerà a breve termine solo risanamento dei conti pubblici e attendere.

Poiché sappiamo dalla storia economica come tale fine episodi, l’opzione quattro alla fine ci riconducono alle opzioni uno, due o tre. Il mio preferito sarebbe stato il secondo: rendere obbligatoria l’iscrizione di euro subordinata regolazione simmetrica. Ma Mario Monti, primo ministro d’Italia, non reggeva ad Angela Merkel. Egli non ha detto il cancelliere tedesco che l’impegno costante del suo paese con la moneta unica avrebbe dovuto dipendere da un sindacato bancario adeguato con piena risoluzione e assicurazione capacità di deposito; un legame zona euro, e le politiche espansionistiche più economiche di Berlino. Nella sua intervista con il Financial Times della scorsa settimana, Mariano Rajoy, il primo ministro spagnolo, ha chiesto di regolazione simmetrica – ancora una volta, un po ‘in ritardo, in quanto la Germania è già in programma un bilancio di austerità per il 2014. Alla luce di tutte le decisioni politiche già prese, la possibilità di regolazione simmetrica sta lentamente ritirando.

Pertanto, qual è lasciare l’Italia prima della elezioni del mese prossimo ? Come primo ministro, il signor Monti ha promesso riforme e ha finito per aumentare le tasse. Il suo governo ha cercato di introdurre modeste riforme strutturali ma erano annacquato all’insignificanza macroeconomica. Dopo aver iniziato come leader di un governo tecnico, che è emerso come un duro, operatore politico. Il suo racconto è stato che ha salvato l’Italia dal baratro, o piuttosto da Silvio Berlusconi, il suo predecessore. Un calo dei rendimenti obbligazionari ha svolto in questo racconto, ma la maggior parte italiani sanno lo devono ad un altro Mario – Draghi , presidente della Banca centrale europea.

A sinistra, Pier Luigi Bersani , segretario generale del Partito Democratico, ha sostenuto l’austerità, ma ha recentemente cercato di prendere le distanze da tali politiche. E ‘stato anche più esitante sulle riforme strutturali. I suoi temi principali della campagna sono una tassa sul patrimonio, la lotta contro l’evasione fiscale, riciclaggio di denaro e diritti dei gay. Lui dice che vuole l’Italia a rimanere nella zona euro. C’è una possibilità marginale sarà più successo nel battersi per la Merkel perché è in una posizione migliore per collaborare con François Hollande, il presidente francese e un compagno socialista.

A destra, l’ alleanza tra Berlusconi e la Lega Nord è stato dietro nei sondaggi, ma sta facendo progressi. Finora, l’ex primo ministro ha avuto una buona campagna. Egli ha espresso il suo messaggio anti-austerità che ha colpito una corda con un elettorato disilluso. Inoltre continua a criticare la Germania per la sua riluttanza ad accettare un legame zona euro e di consentire alla BCE di acquistare obbligazioni italiane incondizionatamente.

Si potrebbe interpretare questo come un atteggiamento opzione-due: insistere sulla regolazione simmetrica o uscire. Sappiamo che Berlusconi fin troppo bene, però. Era un primo ministro per un tempo sufficiente ad aver modellato un tale dibattito molto prima. Per diventare credibile, deve produrre una chiara strategia che delinea le scelte in dettaglio. Tutto quello che abbiamo ora sono slogan televisivi.

A giudicare dalle ultimi sondaggi, il più probabile elezione risultato è stallo, magari sotto forma di un Bersani-Monti coalizione di centro-sinistra, possibilmente con un maggioranza di centrodestra al Senato italiano, dove le regole di voto diversi si applicano. Ciò lascerebbe tutti, più o meno, in carica. Nessuno avrebbe il potere di attuare una politica. Ognuno avrebbe il diritto di veto uno.

Se così fosse, l’Italia continuerà a cavarsela, fingendo di aver scelto di rimanere nell’euro, ma senza creare le condizioni per rendere sostenibile l’adesione. Nel frattempo, mi aspetterei un anti-euro consenso politico emergere che probabilmente può vincere una maggioranza assoluta nelle elezioni successive o innescare una crisi politica in ultima analisi, con lo stesso effetto.

Quanto al signor Monti, la mia ipotesi migliore è che la storia lo accordare un ruolo simile a quello svolto da Heinrich Brüning, cancelliere della Germania 1.930-1.932.

Anche lui faceva parte di un consenso prevalente stabilimento che non c’era alternativa alla austerità. L’Italia ha ancora alcune scelte aperte. Ma deve farli.munchau@eurointelligence.com

http://www.ft.com/intl/cms/s/0/882bb27a-6166-11e2-957e-00144feab49a.html#axzz2IaTz7JoJ

 

 

 

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: