Archive for agosto 2015

Quand’è triste stu fattu! Paolo Villaggio a In Onda: “Sono senza un soldo, fate una coletta per me”

agosto 30, 2015

 

Quand’è triste stu fattu!

Io non riesco a capire! Tanti attori ed artisti con montagne di soldi, per oltre cento film girati, popolari, rimangono in bolletta, dopo averci rimbrottato tutti della loro superiorità preparando una Legge a Hoc, ok, ma questi hanno portato lustro all’Italia o a Come Monti che s’è beccato un titolo immeritato solo per volere perequativa di “ Sir George ” non eletto del Popolo? Mi associo ai lettori che hanno postato. Mi ricordo alcuni ex Kompagnuzzi Rossi che mettevano a ferro e fuoco Milano negli anni di piombo passati inneggiando la loro famosa e funesta bandiere nere con una stella a cinque punte: poi tutti pieni di soldi e dirigenti di qualcosa, altro essere ” Quei Ragazzi del Brasile “. Oggi vedo Er Molotoviano D’Alema con vigne, Yacht e vini: bravi o che, hanno ricevuto leasing e altri imprenditori si sono dovuti impiccati, poiché nessuno li ha aiutati? Ebbene sì, oggi vorrei essere un Dittatore Cinese: quei furbetti degli anni ’48 in poi, oltre ad aver sfasciato l’Italia e Napolitano con Monti, Letta e Renzi l’hanno dimostrato tanto di averci violentato alla Jeanne senza burro… io avrei attuato l’operazione Marrangiu: oggi saremmo i primi in Europa in tutto e, come dare torto a Luttwak se abbiamo una UE con sete di avventure e di negrieri Bombardano la Libia solo per metterla in Cu** al Silvio Berlusconi odiato in stile Soviet? Pensateci o avete visto il Popolo dell’ex Sovietica, Cinese o Cubano, vi sembrano una millesima parte cattivi o odiano l’Italiano o l’Europeo come il Pci al Pd? Io dal 1962, sono cresciuto nella China Town di Paolo Sarpi ed avevo solo 17 e messo, e non sono diventato qualcuno solo perché buono o per dire fesso come lo è stato Berlusconi che per amore della sua Patria e del suo Popolo dai Media e Artisti persino ingrati dopo averli fatti diventare ricchi e famosi votano ccheskì e solo adesso rapinati, violentati (veramente) e scippati da Equitalia che se ne sbatte dell’Art.57 della Costituzione e dell’Art. 1: cchisti songono tutti arrapati della “ Cosa d’autri ” aggratis ed l’ultimo capitolo di Roma Mafiosa, nefasto e vomitevole nel sentire un pirla di Deputato: “ Non ci sono Politici inquisiti, ma solo Dirigenti ” già, ma questi chi li nomina, Padre Pio un uomo Santo? Intanto, “ Mani Pulite ” ha ucciso il mio amico Bettino Craxi dimostratosi come il suo amico Silvio, Statista: uno fatto morire in terra staniera e l’altro incaprettato da oltre vent’anni e, solo chi l’ha visto da “ latitante ” sotto il suo porticato di Hammamet con occhi lucidi nel descrivermi “ Ecco, caro Di Tolve, lì ce la prima Isola Italiana, lì la Sardegna e la Maddalena dove Garibaldi riposa… ”. L’ulyima telefonata avvenne quando spiegava ai giornalisti: “ Vado in Ospedale…ritorno maìorto! ” Cari amici e Compagni, in Roma Ladrona ora Mafiosa, chi ha rubato di più i Craxiani, Berlusconi o autri che oggi si siedano a Destra e Sinistra della mangiatoia e delle Coop e persino di una Parte di una “ Chiesa? ” Cchesskì non sono traditori? Pensaci Giacomino

Paolo Villaggio a In Onda: “Sono senza un soldo, fate una coletta per me”

Paolo Villaggio a In Onda: "Sono senza un soldo, fate una coletta per me"

Si parla di crisi e dei problemi del ceto medio nell’ultima puntata di In Onda estate su La7 con il duo Parenzo e Labate. Ospite in studio Paolo Villaggio che con il suo Fantozzi ha raccontato meglio di chiunque altro vizi e tic dell’italiano medio dagli anni ’60 a oggi. E tra il serio e il faceto, Villaggio non perde occasione di spiazzare tutti. Chissà quanto scherzando dice che ormai è senza un soldo, lancia un appello ai telespettatori perché organizzino una colletta a suo sostegno: “Fatemi almeno una lettera di raccomandazione per il dentista”, dice ancora Villaggio.